Insta Nano 360: per i video immersivi “entrate da qui”

/, Sponsored Post/Insta Nano 360: per i video immersivi “entrate da qui”

Insta Nano 360: per i video immersivi “entrate da qui”

Insta Nano 360: ottima, ma va capita.

La camera immersiva Insta Nano 360 è una creazione della Andoer, di Shenzhen che si è imposta da circa un anno sul mercato dei consumer di questo tipo di hardware. Si tratta di un prodotto ben fatto, ma che per essere adeguatamente recensito deve essere collocato nella fascia di mercato dove i suoi creatori lo hanno voluto mettere.  Questo prodotto, insomma, deve essere capito. Ti sto parlando di fascia per i consumatori o in un entry level per chi intende usare questo tipo di strumenti per fare contenuti editoriali. A proposito di questi ultimi ti apro una parentesi: ho già parlato di video immersivi su questo blog e ti consiglio di andare a recuperare i link qui e qui. Potrebbero aiutarti a comprendere meglio la materia.

Caratteristiche della Insta Nano 360.

Le caratteristiche Tornando alla Insta Nano, prodotto per il mondo iOS che va in plug and play con gli iPhone 6 e 7, è un prodotto ottimo, ma va compreso e sfruttato per le potenzialità che veramente ha, senza chiedere più del possibile in cambio. Devo dirti una cosa, prima di continuare: odio l’unboxing e tutti gli onanisti che lo fanno. Comunque ti racconto che, se sei un fanatico, la confezione è minimal con un cardboard, il sacchettino in microfibra per contenere la camera, l’alloggiamento della camera stessa, le istruzioni e una scatoletta che contiente il cavo dell’alimentazione che, avendo un adattatore può essere attaccato ovunque.

Le immagini possono arrivae fino a 1520 pixel di altezza,  a 30 frame per secondo, mentre il peso è di poco più di 70 grammi. Le dimensioni dell’oggetto, il quale possiede 2 lenti fisheye che fanno compensazione nello stitching per creare la sferica, sono 11 cm di lunghezza per 3,2 di larghezza e 2,5 massimo di spessore.

Da sola balla meglio.

Le potenzialità migliori le esprime staccata dal telefono, dal quale è obbligata a passare per tutta un’altra serie di passaggi. La realizzazione di foto, cliccando una volta, di video, cliccando l’unico bottone due volte, ma anche di time lapse ha qualità molto elevata nonostante il prezzo sotto i 200 dollari (200 euro circa per il mercato europeo).

Sponsored post

Sponsored post.

Per chi vuole, quindi, usarla per realizzazioni personali o per chi vuole mettersi a provare le potenzialità del giornalismo o del videomaking immersivo questo è un ottimo strumento. Va aiutata nell’acquisizione audio da altre tipologie di strumenti, ma approfondirò questo discorso (parlando di registratori di audio “spatial” adatti alla registrazione di audio immersivo) in un’altra occasione. La Insta Nano in versione stand alone balla meglio, ma deve sviluppare interazione in plug and play con il telefono praticamente in modo forzato per la gestione dei file, ma anche per andare, tramite la app di Andoer, a fare livestreaming o a caricare video (o foto) per la diffusione sui social.

I due contro: se si rompe sono guai…. e poi il calore!

Ha due grosse controindicazioni questo prodotto che arriva direttamente dalla Silicon Valley cinese. La prima controindicazione è legata al fatto che non ha un efficiente servizio clienti che ti diriga se si rompe, ma soprattutto non risultano esserci pezzi di ricambio parziali come una lente. Insomma, va bene che costa meno di 200 euro, ma se ogni volta che mi cade e si rompe un pezzo devo spendere 200 euro, beh, qualche pensiero sulla sua reale “economicità” lo faccio.

Il secondo “cons” è il calore, il calore che sviluppa mentre lavora una diretta immersiva o la produzione di un video, specialmente se in movimento, in plug and play con l’iPhone. Si tratta di temperature molto elevate che qualche volta portano anche a interruzioni del flusso di dadi del video o cose di questo genere. Ti lascio, comunque, con la recensione in 360 fatta sulla mia fanpage e con il link per l’acquisto.

 

 

By | 2017-07-06T13:27:06+00:00 luglio 6th, 2017|Italianmojo, Sponsored Post|0 Comments

About the Author:

Sono un papà single e un cronista di strada. E penso che l’elefante si mangi soltanto a pezzettini

Leave A Comment