#sharingdaddy tutorial, il cambio di stagione: ci pensa lo zio Antimo

//#sharingdaddy tutorial, il cambio di stagione: ci pensa lo zio Antimo

#sharingdaddy tutorial, il cambio di stagione: ci pensa lo zio Antimo

HO SCOPERTO CHE HO UN AMICO. Ciao, come stai? Anche tu alle prese con un guardaroba da cambiare e con il tempo che fa in modo che non si sappia che mizzica mettere a sto pupo o a sta pupa? Oggi trenta gradi, ieri il finimondo a Milano con tuoni fulmini e saette. Sta cambiando la stagione e con un figlio in crescita devi spazzolare via quello che hai nei cassetti e sei nel dramma. Inutile che ridi, so che sei nel dramma. Già, perché quando eri sposato ci pensava lei, ma ora… Ora non sai come si piglia una maglietta, figuriamoci un pantalone. Non sai che scarpe prendere, come si misura il piede, quanto può durare. Sicuramente se qualche volta ti sei avventurato in un acquisto sei stato, una volta a casa, respinto con perdite dalla moglie, dalla suocera, dalla mamma, dalla zia e dalla sorella. Io? Sono andato da un amico, si chiama Antimo Santoro. Vuoi sapere la storia? Sui quaranta, senza figli, ex guardia giurata che ha tentato l’avventura imprenditoriale a milano aprendo un negozio che si chiama “Il 3nino” (mi ha raccomandato di scriverlo così che se no si incazza) e che vende articoli per bambini second hand. Sono andato da lui a parlare di come diavolo si fa a fare un cambio di stagione senza acquistare minchiate e lui mi ha aperto un mondo. Vuoi sapere perché? Beh, perché ha imparato anche lui sul campo partendo da un punto di vista maschile ed essendo senza figli. E’ affabile e curioso e mi ha regalato dei consigli utilissimi su come vestire il bimbo. Sai da cosa è partito? Dal fatto di saperne poco, ma con umiltà ha raccontato in questo video come ha fatto a imparare e cosa pensa del cambio guardaroba. Poi mi ha detto che per gli #sharingdaddy fa uno sconto speciale, ma devi vedere tutto il video… che ti interroga.

 

By | 2016-11-04T17:19:25+00:00 maggio 24th, 2016|Sharingdaddy|0 Comments

About the Author:

Sono un papà single e un cronista di strada. E penso che l'elefante si mangi soltanto a pezzettini

Leave A Comment