Navigation

Related Articles

Back to Latest Articles

Walking Day a Milano: ecco lo sport di tutti i giorni


Francesco Facchini
Walking Day a Milano: ecco lo sport di tutti...

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” parallax_speed=”0.3″ video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” overlay_opacity=”0.5″ border_style=”solid”][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” center_content=”no” last=”no” min_height=”” hover_type=”none” link=””][fusion_text]

Walking Day e Sharingdaddy: un binomio che ci sta.

La pioggia martella Milano e domani potrebbe continuare, ma io vado comunque al Walking Day. Vuoi sapere di che si tratta? Eccoti servito.

Walking

Il Walking Day (domani 6 novembre l’edizione milanese) è un modo per far diventare uno sport una cosa che noi facciamo tutti i giorni senza accorgerci: camminare.

Chiarisco subito: non sono un fan di quegli strani uomini che camminano in pianura con delle strane racchette come stessero facendo uno slalom gigante. Sono un fan, invece, della coniugazione nella realtà delle esigenze che ogni corpo avrebbe di muoversi.

Se, infatti, tu o io sapessimo l’esatto significato di 45 minuti di camminata, di 10 mila passi, di 10 piani di scale, sapessimo, insomma, cosa brucia e come brucia il nostro corpo mentre facciamo queste cose, probabilmente potremmo tenerci in forma facendo cose normali. Magari potremmo farlo pure lentamente, senza pagare inutili abbonamenti in palestra o costosi attrezzi per lo sport (e visto che siamo squattrinati non guasta).

La missione non certo impossibile.

Domani mattina, quindi, cercherò di portare a termine il mio walking day milanese sul quale potete sapere tutto visitando il sito qui. La missione prevede anche un incontro particolare di cui vi darò contezza, un incontro con un campione olimpico. Si tratta di Maurizio Damilano che ha promosso la creazione del Fitwalking, la camminata sportiva che può essere fatta tranquillamente in città e senza grandi indumenti tecnici. “Camminare fa bene a tutti” va ripetendo Damilano come un mantra. Ecco, a nome di tutti gli Sharingdaddy gli chiederò come bisogna camminare, quando, per quanto tempo, in che modo, con che ritmo. Voglio saperlo, per dirtelo e darti un nuovo sport che non costa niente da fare tutti i giorni. Oltretutto è un modo per vivere meglio e per meditare: per farlo, infatti, basta trasformare il tempo di spostamento da un punto a un altro in tempo di camminata. Durante la passeggiata o le passeggiate, di conseguenza, si pensa meglio. Domani il percorso, che si snoda attorno all’Arena Civica, sarà di 8 km. La festa del Walking Day comincia alle 8. Ti aspetto lì, anche sotto la pioggia. Intanto guardati queste dritte su come si cammina per bene: servono.

 

 

[/fusion_text][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Show Comments (0)

Comments

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Related Articles

Sharingdaddy

#sharingdaddy in viaggio: se il paradiso dipende dalla pipi

PRENDI LA RINCORSA. Cos’è un viaggio? È un percorso di strade, di rotte, di tracce, di conoscenza, di paure, di speranze. Un viaggio è un libro che scrivi coi passi, con i...

Posted on by Francesco Facchini
News

Apple ci prende in giro (e io mi sono fatto fregare)

Apple Event: il lato B della messa laica di Cupertino Questa mattina parto per Amsterdam a scoprire le novità di IBC 2018 e sono stato svegliato da una brutta sorpresa. L’amico...

Posted on by Francesco Facchini