Bici rubata? Consigli per non farsi fregare

//Bici rubata? Consigli per non farsi fregare

Bici rubata? Consigli per non farsi fregare

Bici rubata? Caro ladro, adesso ce la vediamo noi due.

Primi movimenti da papà in bici per Sharingdaddy dopo la bici rubata e l’arrivo della Polda2 che ti ho raccontato in questo post qui. Nella mia nuova vita da padre velocipedizzato, naturalmente, una delle cose più simpatiche e delle sfide più avventurose sarà cercare di fottere il più possibile il prossimo ladro di bicicletta che dovesse incontrare la mia due ruote. Tutti i ciclisti italiani, infatti, hanno avuto la sgradevole esperienza di una bici rubata e si sono poi scapicollati a cercare rimedi. Anche io ho fatto il mio e sono andato dal superesperto Stefano, il ferramenta di Viale Bodio in Bovisa.

“E’ comunque una battaglia persa, ma…”

Il prode Stefano, uno che con le mani fa miracoli e che risolve i problemi di ogni genere, ha subito ammesso che se il ladro vuole e a tempo “e la tua bici vale la pena” in un modo o nell’altro vince lui. “Piuttosto si porta via il palo, ma ti frega”. Quindi chi vi racconta che c’è l’antifurto infallibile o il dissuasore perfetto sbaglia. Certo, magari farò un giretto per darti qualche dritta su diavolerie tecniche come il geolocalizzatore o l’antifurto (“Basta versarci acqua sopra e si spegne”, sentenzia Stefano), ma quello che mi pare di capire dalla chiacchierata fatta con il mitico ferramenta di viale Bodio è che l’unico rimedio è costringerlo a lavorare troppo. Ecco la chiacchierata.

 

 

 

L’idea di Stefano, sinceramente anche la mia, è semplice: metterlo in condizione di dover lavorare troppo. Deve avere strumenti ingombranti da portare e un tot di tempo abbastanza alto per effettuare il furto. Alla fine deve mollare il colpo perché gli ci vuole troppo. Troppo in termini di fatica, rumore e tempo, per portarti via la due ruote. Mi sto preparando alla prima escursione fuori porta, quindi, al primo giro alla Sharingdaddy. Questi grandi “viaggi” iniziano dalla cura dei particolari e questo particolare, proteggere la bici, è uno dei più importanti.

 

By | 2017-05-17T15:02:46+00:00 maggio 17th, 2017|Sharingdaddy|2 Comments

About the Author:

Sono un papà single e un cronista di strada. E penso che l’elefante si mangi soltanto a pezzettini

2 Comments

  1. Nicola 28 maggio 2017 at 13:18 - Reply

    La catena può rappresentare un buon alleato contro i ladri di biciclette (sembra il titolo di un film o sbaglio), ma sai com’è quando cammini per le strade e assisti allo spettacolo acceso di lampioni con una ruota legata alla base, certo un pò di sconforto ti prende al balzo. SìIn quel caso speri che la prossima vittima non sia la tua, al massimo con la catena quello che resta è la ruota…

    • Francesco Facchini 28 maggio 2017 at 13:31 - Reply

      Eh caro Nicola. Vero. Quando vedi quegli scheletri di bici attaccati ai pali ti piglia lo sconforto. Come pure ti assale il nervoso quando capisci che in ogni caso vince il ladro (se vuole e ha tempo). L’idea però di fargli perdere più tempo possibile mi gusta assai. Un caro saluto. Francesco

Leave A Comment