Il fascicolo sanitario digitale personale: aiutone per i papà single.

//Il fascicolo sanitario digitale personale: aiutone per i papà single.

Il fascicolo sanitario digitale personale: aiutone per i papà single.

Fascicolo sanitario digitale personale: un aiutone per i papà single.

Qualche giorno fa, esattamente il 28 settembre 2017, ho avuto la possibilità di scoprire una bella iniziativa di Biomedia e del portale Family Health. Di cosa si tratta? Del Fascicolo Sanitario Digitale Personale, abbreviato FSDP, uno strumento online dove è possibile, gratuitamente, in via riservata e senza che i propri dati vengano “gestiti” dall’azienda verso altri o per proprio scopo statistico, registrare tutti i propri documenti sanitari, la propria storia di persona sana o malata, così come quella dei propri avi o dei propri figli.

Ti preciso che Biomedia mi ha chiesto una collaborazione per la quale vengo pagato, collaborazione che ho già eseguito. Da papà single, quindi, non prendo un soldino, ma proprio nemmeno uno, per scrivere quello che sto per scrivere. Lo scrivo solo perché lo penso e perché ho conosciuto di persona la serietà dell’azienda e delle persone che ci lavorano.

Come si usa e come può davvero servire ai papi come noi.

So bene che la tua vita è un casino, così come lo è la mia. Già mi considero fortunato se non mi dimentico il bambino da qualche parte. Figurati i suoi documenti. Certo il bambino è nella maggior parte dei casi un organismo sano e giovane, ma deve spesso sostenere visite e fare controlli. Deve, insomma, fare prevenzione. Così come la devi fare tu. Per questo motivo l’idea semplice di avere un archivio digitale personale per registrare e schedare e catalogare tutti i tuoi documenti, impegnative, ricette, lettere, diagnosi, cartelle cliniche e vattelapesca, è una dritta vincente (anche se di una semplicità disarmante). Insomma, potresti farlo anche tu per i cavoli tuoi in un semplice drive, ma affidarsi a Family Health ha un vantaggio. Il Fascicolo Sanitario Digitale Personale è stato fatto da chi di medicina e salute se ne intende e capisce di che importanza siano queste informazioni e come vadano usate.

La cosa che devi fare? Prevenire.

Beh, quel giorno lì ho avuto anche un’altra botta di culo, oltre a quella di conoscere questo strumento. Ho avuto la fortuna di conoscere e di chiacchierare con il prof. Roberto Burioni. Già, proprio lui, proprio quello dei vaccini. A parte che l’ho ringraziato per la sua azione di divulgazione scientifica, mi sono sentito dire una cosa che mi è rimasta nel cervello. Il medico deve essere chiamato in causa solo per extrema ratio: il resto è la persona che lo deve fare. E’ una semplice serie di operazioni che si chiama Prevenzione. O la fai, o la fai. Non devi aspettare che sia lo stato a farla sia per te, sia per tuo figlio.

 

By | 2017-10-05T07:56:18+00:00 ottobre 5th, 2017|Sharingdaddy|0 Comments

About the Author:

Sono un papà single e un cronista di strada. E penso che l'elefante si mangi soltanto a pezzettini

Leave A Comment