Navigation

Related Articles

Back to Latest Articles

Telegram e Mobile Content creation: ecco il gruppo Mojo Revolution


Francesco Facchini
Telegram e Mobile Content creation: ecco il...

La mobile content creation sbarca su Telegram.

Ho creato il gruppo Telegram Mojo Revolution per creare un luogo virtuale dedicato alla mobile content creation che possa essere una vera borsa degli attrezzi del mobile journalist e di tutti coloro che vogliono fare contenuti, per qualsiasi motivo, con lo smartphone. Su Mojo Revolution, gruppo che potete trovare se schiacciate qui, troverai documenti, link, letture, file, audio, pdf, video e quanto altro possa esservi utile nello sviluppare il tuo cammino di conoscenza di questa cultura.

Un gruppo, posto in cui si vuole essere.

Il gruppo Telegram Mojo Revolution è un servizio diverso da quelli messi in campo da me nel passato è stato pensato, grazie all’apporto della mia strategist Chiara Carlet (una vera web coach che sta cambiando interamente il mio progetto multimediale), come un modo nuovo di creare comunità in maniera “proattiva”. Già, perché se ti iscrivi al gruppo Mojo Revolution è perché questo argomento ti interessa e desideri ricevere nel tuo smartphone tutti quei supporti multimediali che ti aiutino nella comprensione della materia e nella produzione dei contenuti.

E’ ora di costruire una comunità organica e realmente desiderosa di mettere da parte tutti i tool che fornirò per crearsi un posto virtuale dove tutto è consultabile nello stesso luogo virtuale. Da parte mia ci sarà un lavoro di racconto e relazione su quanto si sta sviluppando nel gruppo e un accenno ai tool che metterò a disposizione (il prossimo che inserisco, appena pubblico questo pezzo, varrà da solo la pena dell’iscrizione). Non aggiungerò membri al gruppo perché desidero che cresca da solo.

Il progetto mojo sta cambiando.

Il mobile journalism è stato, più o meno, il “mondo” dove questa cultura della produzione di contenuti è nata. Le potenzialità che offre lo smartphone, tuttavia, sono utilizzabili in molti campi differenti (anche lontani dal mojo), come testimonia il fiorire di opere cinematografiche fatte con lo smartphone come “High Flying Bird” di Steven Soderberg.

Il trailer ufficiale di High Flying Bird

Per questo motivo mi permetto di suggerirti questo gruppo Telegram e di suggerirlo a tutti coloro che possono giovarsi, per la loro professione o per la loro vita, delle possibilità che regala il fatto di saper produrre, in modo professionale, contenuti visuali con lo smartphone. Lì si troveranno i documenti, i consigli, i link, le app, i contenuti necessari per poter iniziare il percorso di cambiamento della tua vita lavorativa grazie alle potenti possibilità che offre lo smartphone che hai tra le mani.

La seconda novità: News Republic.

La mobile content creation sbarca anche su News Republic. La app di Bytedance, multinazionale cinese proprietaria, fra le altre cose, di Tik Tok (ex Musically), mi ha scelto fra gli esperti per partecipare alla produzione di contenuti sul mobile journalism per gli utenti della app che fa l’aggregatore di news in circa 300 milioni di telefonini nel mondo. Un’ esperienza interessante per provare la validità di questi strumenti e per capire come questi possono portare risorse alla carriera dei moderni produttori di contenuti. Tutta manna dal cielo per diffondere la #mojorevolution. Ti aspetto.

Show Comments (0)

Comments

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Related Articles

News

World wide web: 30 anni quasi sprecati

Il World wide web compie oggi 30 anni. Nacque il 12 marzo del 1989 quando un ricercatore di nome Tim Berners Lee presentò al Cern di Ginevra un progetto di ricerca destinato a...

Posted on by Francesco Facchini
mobile content creation

La follia di Trump, il Facebook Bias e la salvezza nel mobile journalism

Proprio in questa notte di follia di Trump. Proprio in questa notte in cui Donald Trump apre le trombe della sua antipolitica folle spaccando il fragile equilibrio del Medio...

Posted on by Francesco Facchini