Smartphone

Tu e il tuo smartphone vi dovete conoscere meglio

Stiamo entrando nell’ultima parte del 2020.

Il nostro rapporto con lo smartphone è cambiato, ma ancora non ce ne siamo resi conto. La pandemia e le sue conseguenze ci hanno frullato la testa. Durante il lockdown abbiamo usato lo smartphone come mai ci era capitato prima. Abbiamo fatto cose importanti. Abbiamo comunicato, sì, ma lo abbiamo fatto in molti modi nuovi. Con lo smartphone abbiamo lavorato, abbiamo studiato, abbiamo scritto, creato, trasferito documenti di valore, comprato, viaggiato senza spostarci. Dopo la pandemia la tua e la mia voglia di digitale hanno subito un contraccolpo, a causa dei problemi economici contro i quali stiamo ancora combattendo e combatteremo per chissà quanto tempo.

Lo smartphone come strumento di rilancio

Eppure lo smartphone ci è rimasto tra le mani e lo stiamo utilizzando come mezzo per realizzare cose che, solo un anno fa, non avremmo nemmeno pensato di fare con il telefonino. Gli smartphone sono il ponte con la scuola dei nostri figli, con il capo, sono il registro dei nostri clienti, lo strumento per il nostro studio, le nostre lezioni. Prenotiamo, riceviamo documenti, organizziamo eventi, godiamo della cultura, dell’arte, della musica. Con lo smartphone vendiamo i nostri prodotti, controlliamo il magazzino, inoltriamo pratiche, spediamo raccomandate, arrediamo casa, chiamiamo uno specialista, un idraulico, un medico. Manca una cosa: il rilancio. Già, perché lo smartphone è lo strumento più importante che abbiamo a disposizione per rilanciare i nostri progetti, per diffonderli, per farli conoscere.

Il rilancio attraverso il contenuto

L’utilizzo del telefonino per rilanciarsi parte dalla scoperta delle potenzialità del telefono come dispositivo di produzione dei contenuti dei tuoi progetti. Io ho fatto questo percorso ormai 12 anni fa, quando ho iniziato a pensare che i primi smartphone che avevo tra le mani potevano aiutarmi a produrre i miei servizi e, di conseguenza, ad aumentare la mia ricchezza. Vista la tecnologia racchiusa nei nostri dispositivi oggi, il percorso per prendere coscienza del fatto che il telefono sia il produttore principale del nostro linguaggio di espressione è molto più facile di una volta. Una volta compreso il tutto, sarà semplice fare questo passaggio: lo smartphone può produrre contenuti di qualità, io posso raccontarmi meglio grazie a questi contenuti e, quindi, rilanciare la mia attività, il mio percorso professionale o la mia vita.

Un incontro particolare

Non so quale sia il tuo lavoro, ma so che qualsiasi lavoro tu faccia, esso può giovarsi di una migliore produzione dei contenuti che lo raccontano, di una più efficace diffusione degli stessi e di una serie di strumenti che migliorano tutti i passaggi delle tue giornate e del tuo lavoro. Per questo motivo ho pensato a un incontro, a un corso molto particolare. Adatto a tutti, dagli studenti agli insegnanti, dai commercialisti ai press agent, dagli architetti agli artisti. Sarà un incontro con il telefonino alla mano, un corso durante il quale vedremo 60 consigli per produrre contenuti e interazioni, per lavorare meglio e per vivere meglio. Una pioggia di dritte e di app, da Luma Fusion a Filmic Pro, da Keep a Planner Pro, da Fantastical a My fitness pal, da Toggl a Focus. Strumenti, dritte, processi operativi. In tre ore, veloci e pratiche. Pochissime slide e tante strade per scoprire il tuo telefonino e per fartelo conoscere meglio. Ecco qui l’appuntamento:

I corsi di Au: libera le potenzialità del tuo smartphone – Algoritmo Umano

Lo strumento tecnologico che ci è più vicino è lo smartphone e molto spesso non lo sfruttiamo a dovere. Per questo e tanti altri buoni motivi Algoritmo Umano ha deciso di mettere in calendario un corso di tre ore su come liberare le potenzialità del telefonino per migliorare la produzione di contenuti, lo sviluppo del proprio lavoro o l’organizzazione e la produttività dei propri giorni.

Un uso intenzionale

Apprezzo molto il lavoro del collega Silvio Gulizia e del suo progetto Vivere Intenzionalmente. Se sei curioso visita il suo sito e leggi le sue pubblicazioni. Quello che desidero fare, in questo incontro, è promuovere e divulgare l’uso intenzionale dello smartphone, rubando una parola dal lavoro di Silvio. Se vuoi vivere e lavorare intenzionalmente con il tuo smartphone ci vediamo il 19 ottobre 2020, alle 18

Francesco Facchini

Sono un papà single e un cronista di strada. E penso che l'elefante si mangi soltanto a pezzettini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.