Amsterdam, dove il domani del broadcasting è oggi

//Amsterdam, dove il domani del broadcasting è oggi

Amsterdam, dove il domani del broadcasting è oggi

Vado ad Amsterdam, ma prima ti racconto una cosa.

Specifico: stanotte parto per la metropoli olandese dove andrò per due giorni, fitti di incontri e visite, all’International Broadcasting Conference, la più importante fiera mondiale della tv. Prima di spiegarti, tuttavia, cosa ci vado a fare, voglio ringraziare le oltre 300 persone che oggi mi hanno ascoltato al corso di formazione continua per Giornalisti, Avvocati e Commercialisti “Voglio (Devo) fare il freelance” che è andato in scena nella bellissima sala Biagi del Palazzo della Regione Lombardia.

L’intervento sullo strumento del mobile journalism come arma di rinnovamento professionale è stato un’esperienza emozionante per me, perché mi ha fatto entrare in contatto con il desiderio di cambiamento che c’è in decine e decine di colleghi che mi hanno guardato con attenzione e partecipazione e che poi, lungo il corso di tutta la giornata, mi hanno fermato, chiesto informazioni, fatto complimenti, stretto la mano, dato un follow su Twitter o chiesto l’amicizia su Facebook.

Un evento che mi ha caricato.

Il corso e lo speech pubblico mi hanno davvero caricato e mi hanno responsabilizzato ulteriormente a mettere energia nel processo di crescita di questa community mojo. Anche i colleghi del mio team, come Fabio Ranfi, direttore di MilanoAllNews che è stato determinante per la riuscita della prolusione di oggi con il suo aiuto tecnico, sono rimasti impressionati dalla carica di entusiasmo mostrata. Beh, spero che si possa trasformare in presenza, in conoscenza, in link in relazioni, in corsi, in iniziative. Noi (cioè io e chi lavora al progetto) ce la mettiamo tutta e ti ringraziamo se vuoi partecipare: sei il benvenuto. Basta cliccare qui.

Vado ad Amsterdam, al centro del mondo del broadcasting.

AmsterdamDomani mattina prestissimo parto per Amsterdam. Vado per tre giorni all’International Broadcasting Conference, alla fiera che rappresenta il massimo del mondo della tv e del broadcasting mondiale. Voglio andare a guardare da vicino tutte le novità che riguardano il mondo della trasmissione dei contenuti e tutto quanto è mobile all’interno di questo pianeta. Avrò una fitta rete di incontri, ma farò anche giri, interviste, facebook live, tweet e contenuti per renderti partecipe di questo viaggio.

Per scoprire, sapere, valutare, farsi provocare, incuriosire e guidare dentro il futuro della televisione e del web e di tutto quanto viene trasmesso. Perché ho scelto di andare all’IBC? Per un motivo semplice: il futuro vedrà una convergenza tra tv, mobile e web che creerà un nuovo ecosistema dell’informazione che parte da mobile e arriva a mobile. Voglio vedere cosa succederà del resto, di tutti i vecchi metodi di fare broadcasting che lì sono adeguatamente rappresentati.

By | 2017-09-16T22:40:21+00:00 settembre 16th, 2017|News|0 Comments

About the Author:

Sono un papà single e un cronista di strada. E penso che l'elefante si mangi soltanto a pezzettini

Leave A Comment