[:en]Gutenberg: the mojo trasformation of WordPress editor Gutenberg: la trasformazione mojo di Worpress[:]

[:en]

The Gutenberg revolution is here to stay.

I’m not crazy and I’m not referring to the inventor of the press with 500 years of delay. My reference is to the new version of the wordpress site editor, like this one, which is bound to change the working habits of communicators and journalists forever, especially if mobile journalists.

The fantastic World of blocks

Gutenberg is already present in the wordpress world in the form of plugin that you can download if you go to the site’s plugin section. Once activated, your editor changes forever to present itself and takes you to the world of blocks. The new editor is therefore designed for pieces that make up the mosaic of the multimedia item that unfolds on your column designed specifically for the mobile world.

A simple patchwork

The multimedia article that is composed word after word is a real collage that is built with extreme ease thanks to the commands and buttons of the editor that can be added one after the other in the most modern way to write a multimedia piece, what for us journalists is normality. Photos, tweets, movies, polls, phrases, quotes, lists: everything is pulled in with great ease and minimizing the intervention with the codes of the writer.

But the real magic is another…

The real magic is that this Gutenberg seems made for smartphones. I am writing, in fact, this article from my Samsung S8 which is one of the least friendly smartphones As for typing. Even in this paragraph I’m using automatic titration through Google that allows me to quickly add text to my editor.

Throughout the paragraph you just finished reading, dictated entirely to my S8, there was only one transcription error that had to be corrected by hand. It is incredible, therefore, how my site becomes a very powerful multimedia creativity tool with Gutenberg.

I putted here Humans of Ny and I did it for a reason

I wanted to incorporate a new element from a different social to show the versatility of this tool. Much mojo, also because one of the determining factors in the construction of the modern journalist is cross-mediality. All this even if it seems to me that the incorporation of Instagram is not responsive for mobile phones like that of Twitter above.

Knock out with a flu

Now everything changes and the way I work also changes. I refer you to my podcast Italian Mojo Stories that tonight I will send on air explaining all the background of this first piece with Gutenberg done while I was ko on the sofa with an S8 in hand.

La rivoluzione di Gutenberg è arrivata.

Non sono impazzito e non mi sto riferendo all’inventore della stampa con 500 anni di ritardo. Il mio riferimento è alla nuova versione dell’editor dei testi dei siti in wordpress, come questo, che è destinato a cambiare per sempre le abitudini di lavoro dei comunicatori e dei giornalisti, specialmente se mobile journalist.

Il fantastico mondo dei blocchi.

Gutenberg è già presente nel mondo di wordpress sottoforma di plugin che puoi scaricare se vai nella sezione plugin del sito. Una volta attivato, il tuo editor cambia per sempre modo di presentarsi e ti porta nel mondo dei blocchi. Il nuovo editor è quindi pensato a pezzi che compongono il mosaico dell’articolo multimediale che si dipana sulla tua colonna pensato proprio per il mondo mobile. 

Un collage semplicissimo

L’articolo multimediale che si compone parola dopo parola è un vero collage che si costruisce con una estrema facilità grazie ai comandi e ai bottoni dell’editor che si possono aggiungere uno dopo l’altro proprio nella modalità più moderna per scrivere un pezzo multimediale, cosa che per noi giornalisti è la normalità. Foto, tweet, filmati, poll, frasi, citazioni, elenchi: tutto viene tirato dentro con grande facilità e riducendo al minimo l’intervento coi codici di colui che scrive.

Ma la vera bomba è un’altra

La vera bomba è che questo Gutenberg sembra fatto apposta per la scrittura da smartphone. Io, infatti, sto scrivendo questo articolo dal mio Samsung S8 che è uno degli smartphone meno amichevoli Per quanto riguarda la digitazione. Addirittura in questo paragrafo sto utilizzando la titolazione automatica tramite Google che mi permette di aggiungere velocemente del testo al mio editor.

In tutto il paragrafo che hai appena finito di leggere, dettato interamente al mio S8, c’è stato un solo errore di trascrizione che no dovuto correggere a mano. È incredibile, quindi, come il mio sito diventi con Gutenberg uno strumento di creatività multimediale potentissimo.

Ho messo qui Humans of Ny…

E l’ho fatto per un motivo. Volevo incorporare un elemento nuovo proveniente da un social diverso per far vedere la versatilità di questo strumento. Molto mojo, anche perché uno dei fattori determinanti della costruzione del giornalista moderno è la crossmedialità. Il tutto anche se mi sembra che l’incorporamento di Instagram non sia responsivo per i cellulari come quello di Twitter qui sopra..

Io non sono in vacanza ma ko sul divano causa influenza.

Adesso cambia tutto e cambia anche il mio modo di lavorare. Vi rimando al mio podcast Italian Mojo Stories che stasera manderò on air spiegando tutti i retroscena di questo primo pezzo con Gutenberg fatto mentre ero ko sul divano con in mano un S8.

[:]

Di Francesco Facchini

Sono un papà single e un cronista di strada. E penso che l'elefante si mangi soltanto a pezzettini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.