Come scegliere lo smartphone

Come scegliere lo smartphone se produci contenuti

Proprio nelle ore in cui esce il nuovo iPhone SE 2020, la domanda “come scegliere lo smartphone” se devi produrci dei contenuti torna a essere attuale. La mossa della Apple, ha ridestato l’interesse su una nuova filosofia del mercato dei telefonini che, specialmente ora con la crisi, potrebbe essere stimolante seguire. Sto parlando, naturalmente, della strategia aperta proprio dalla Casa di Cupertino con questo nuovo SE: fare smartphone con prestazioni top e prezzo non proibitivo.

La domanda delle domande

Come scegliere lo smartphone è la domanda delle domande, specialmente ora che l’emergenza internazionale legata al Covid 19 ci ha fatto profondamente cambiare l’uso che facciamo del nostro telefonino. Ora non abbiamo bisogno, quando cambiamo lo smartphone, di concentrarci soltanto su moda, fotocamera, memoria. Ora abbiamo bisogno che lo smartphone sia strumento di lavoro, di produzione di contenuti, di creazione e scambio di file, di pubblicazione dei nostri messaggi. Adesso abbiamo bisogno che il nostro smartphone sia centro del nostro lavoro e della nostra vita di tutti i giorni, sia ufficio, banca, posta, custode dei ricordi e creatore dei nostri messaggi.

Così rispondere alla domanda delle domande “come scegliere lo smartphone” è diventato un esercizio più concettuale e meno istintivo di prima. Con i pochi soldi che abbiamo in tasca e le molte risposte che dobbiamo avere dai nostri aggeggi, infatti, dobbiamo rapidamente dimenticarci della parola ”bello” associata alla nostra device e sostituirla con la parola “utile”. Cosa è davvero utile che il nostro smartphone abbia?

Come scegliere lo smartphone? Prima di tutto… non sia nuovo.

Ho cambiato molti telefonini in questi anni e nessuno di questi era nuovo. Vuoi saperne il motivo? Semplicissimo: quando un telefono nuovo esce è più delicato nel suo progetto di hardware e meno testato nel suo rapporto con il sistema operativo che monta. Per chi lavora producendo contenuti è importante che ci sia armonia tra il telefono e le app che si utilizzano d’abitudine per raggiungere il risultato che ci si prefigge. Oltretutto deve esserci armonia anche tra il telefono che compri e gli accessori che utilizzi. Basta, infatti, comprare un telefono con un processore diverso o dei codici bluetooth rivisti dal produttore, per mettere della sabbia nel meccanismo di interazione tra il nuovo telefonino che hai appena tolto dalla scatola e il tuo caro vecchio microfono che usi da tempo. Te la senti di prendere questo rischio? Per questo dico sempre a tutti quelli che mi rivolgono la domanda su come scegliere lo smartphone che la risposta è il penultimo modello uscito. Magari usato da poco, ma usato. Diciamo che è una scelta che ti fa stare al sicuro da sorprese sgradevoli sulla tenuta dell’hardware, sul rapporto tra gli hardware (come smartphone-microfono) e sul rapporto hardware-software..

Come scegliere uno smartphone: la fotocamera? Anche no…

Quando sento del tal telefonino uscito con una fotocamera da millemila megapixel mi viene davvero l’orticaria. Quando sento dell’ultimo Samsung, l’S20, che fa immagini in 8k, mi viene lo scorbuto. Dai, scherzo, ma è assolutamente serio il fatto che la corsa alla tecnologia di queste macchine è, per quelli come noi, solennemente inutile. Le fotocamere che montano i cellulari usciti negli ultimi due anni sono una dotazione più che abbondante per le produzioni fotografiche e videografiche che ti riguardano. La fotocamera da urlo dell’ultimo modello, quindi, non deve essere un criterio di valutazione per un acquisto.

Stessa valutazione per le potenzialità video (4k è più che abbondante) e per le qualità dello schermo. Fare un video in 4 k è solo un dispendio di energia. Vedere un video in 4K con un telefonino è un nonsenso. Lo schermo così piccolo non ne farà mai godere le qualità. Quindi inutile farlo e inutile basarsi, per rispondere alla domanda “come scegliere lo smartphone”, alle mirabolanti potenzialità degli ultimi delicatissimi e costosissimi schermi degli ultimi modelli di telefonini.

Le risposte giuste

Come scegliere lo smartphone: sono tre le cose importanti.

Entriamo quindi nel cuore della domanda “Come scegliere lo smartphone” se sei un produttore di contenuti. Le caratteristiche fondamentali del telefono utile per quello che devi fare se vuoi produrre dei contenuti sono queste. Ci vuole un buon processore, una buona RAM e una buona memoria. Tutti gli smartphone, anzi tutti gli hardware si reggono su questa asse.

Il processore

Il processore è il motore del telefonino e ne condiziona la velocità di prestazione. Per usare lo smartphone per fare video e gestire molti dati l’idea è che nel mondo Apple bisogna preferire macchine con un processore dall’ A11 in poi, mentre nel mondo Android lo Snapdragon 845 (Octacore) è la soglia minima di accesso per avere una buona macchina tra le mani. Già che ci sono ti indico anche il motivo della preferenza verso gli iOS del mondo della mobile content creation. Semplice: l’iPhone è uno all’anno, se va bene sono due. Nel mondo Android si stimano 27 mila diverse combinazioni di hardware. Di conseguenza ti risulterà facile pensare che lo sviluppatore di app che deve confrontarsi con un tipo di telefono all’anno, impazzirà di meno di quello che si avventura nella battaglia contro 27 mila. Il tutto con l’effetto di creare software per quel telefono più performanti rispetto a colui che deve far andar bene la sua app a 27 mila telefoni diversi.

La RAM

Io non sono un tecnico, ma conosco l’uso che il telefonino fa della memoria RAM. La usa per le operazioni veloci e che hanno bisogno di gestire molti dati. Di conseguenza avere una buona RAM, da 6 gigabyte in su è una buona idea, è un buon criterio quando si compra uno smartphone. La gestione dei video è un’operazione che mette alla prova lo smartphone e poter contare su una buona memoria rapida facilita le cose.

La capacità di memoria.

Lo smartphone deve essere capiente perché la mole di immagini che ci invade sta aumentando in modo vertiginoso. Per questo motivo il criterio che riguarda la memoria e risponde alla domanda “Come scegliere lo smartphone” è semplice: dai 128 giga in su è tutto buono. Certamente giocano un loro ruolo anche i servizi in cloud e i drive, ma avere le proprie immagini nella propria device è il modo migliore per averle a disposizione quando si vuole elaborare un contenuto, montare un video, creare una bella immagine o un consistente post sui social.

Insomma: non nuovo, con una buona fotocamera, ma senza impazzire, un processore veloce, una RAM da almeno 6 giga e 128 gigabyte di harddisk. Questo è l’identikit della tua prossima macchina per produrre sogni.

Francesco Facchini

Sono un papà single e un cronista di strada. E penso che l'elefante si mangi soltanto a pezzettini

5 commenti

  1. Grazie per l’articolo. Condivido completamente con quello che lei afferma. E grazie per i consigli, mi aiuteranno a scegliere meglio il prossimo smartphone.

    1. Grazie a lei, caro Enzo. Con questo suo commento mi aiuta ad andare avanti. Presto parlerò delle fotocamere e dei segreti che nascondono e che pochi sanno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.