Mobile journalism: ti svelo il segreto di un video perfetto

//Mobile journalism: ti svelo il segreto di un video perfetto

Mobile journalism: ti svelo il segreto di un video perfetto

Mobile journalism: questione di immagine

Mi avete chiesto in tanti, forse anche tu, quali siano le applicazioni migliori per fare mobile journalism. Finalmente entro nello specifico e dico quello che penso per quanto riguarda l’acquisizione di immagini. Ogni buon mojo sa che la prima regola è “fai con quello che hai”. Per cui a questa domanda, risuonata nelle mie orecchie decine e decine di volte, rispondo così: la migliore applicazione per fare immagini con il telefonino è… nessuna.

Già, perché quello che il mojo predica e predica assai bene è la necessità di valorizzare l’esistente, di evitare qualsiasi spesa possa essere evitata. Allora la migliore app per fare delle immagini meravigliose è la macchina fotografica nativa del vostro telefonino. Ormai siamo a livelli altissimi e con funzionalità meravigliose, quindi migliore è il vostro telefono e minore sarà la necessità di acquistare una applicazione specifica per la registrazione delle immagini.

Una macchina fotografica, due mondi diversi

La vera differenza, però, sembra un particolare secondario dell’apparato fotografico dei vostri smartphone, ma è assolutamente dirimente. A cosa mi sto riferendo? A una funzione che nel mondo Android c’è e nel mondo iPhone non c’è. Dando per scontato che il miglior iPhone e il miglior aggeggio del Robottino, una volta schiacciato “rec” scodellano immagini da film, un piccolo innocuo tastino stravolge completamente i modi di lavorare se sei della mela o di Android. La Mela infatti quella funzione non ce l’ha. Ok, la finisco con la suspence. Sto parlando della funzione start and stop che i telefoni con il sistema operativo del Robot hanno e che quelli con iOS, invece, non hanno. Da una macchina fotografica nativa, quindi, nascono due mondi diversi. Già, perché è diverso il mindset che bisogna avere nell’affrontare la produzione delle immagini se si usa la camera nativa.

Il sistema iOS.

Partendo dalla macchina fotografica, o meglio dal suo modulo montato sugli iPhone, va detto che se è unico il file dell’intervista portante che realizzate, finiscono con l’essere molti i file delle coperture, quelle che, in inglese, si chiamano B-Roll. Se la mentalità mojo, quindi, parte dal non acquistare quello che non è strettamente necessario, va detto che con un iPhone tra le mani il lavoro si complicherà quando dai 4-5-6 minuti di intervista, dovrete poi passare ai file multipli degli shoot di copertura. Il mobile journalism regala tecniche precise di filming con sistema iOS, ma per raccontarle ci vorrebbe il capitolo di un libro (peraltro lo sto scrivendo). Riassumendo tutto in un concetto, sarai portato a fare coperture con una sola filosofia: filma quello che è necessario, non un frame di più.

Il mondo Android.

mobile journalism Se con una device Apple, facendo mobile journalism, ti ritrovi ad avere un file principale e una manciata di file di copertura, il vantaggio del fare immagini con un Android è regalato da quel bottoncino “pausa”. Quando fai le coperture, infatti, restando ferma la necessità di raffinare le tecniche, per non produrre fuffa, il vantaggio enorme sarà che, specialmente se lavori sulle news, quindi devi andare veloce, che il file di B-Roll sarà uno solo. Verrà enormemente facilitato il montaggio e la resa della device sarà migliore, rispetto alla gestione di 15-20 file che sei costretto a fare con l’iPhone. Capito la differenza? Un giochetto non da poco.

La soluzione per video perfetti? E’ Filmic Pro

Della mia app per fare le immagini, te lo ricordo, io appartengo ad iOS, ti parlo comunque molto volentieri e in termini entusiastici. E’ Filmic Pro, un software sviluppato dalla Filmic Inc di Seattle, grazie alla visione del fondatore e Ceo Neill Barham. Trasforma il telefono in una macchina professionale con estremo controllo su esposizione, fuoco, bilanciamento dei colori e quanto altro serva a stabilizzare il modulo fotografico del vostro smartphone. E’ in vendita, per il mondo iOS a 9,99 euro, mentre la versione Android sale a 11,99. Attenzione, non è compatibile con tutti i telefoni del Robot e, infatti, la Filmic ne ha rilasciato una versione ridotta che si chiama Plus a 6,49 euro.

Io, per esempio, ho in questo periodo un Huawei P8 e non posso nemmeno scaricare la versione Pro. Notizia delle notizie. Filmic rilascerà il 16 marzo una release completamente rinnovata che avrà, fra le nuove caratteristiche, degli slider ovali per il controllo contemporaneo di fuoco ed esposizione, delle feature per controllare sovraesposizione e sottoesposizione dell’inquadratura, delle funzioni per verificare con colorazioni specifiche l’esposizione su tutta l’immagine e le ombre, ma anche tanto altro. Lascio al mitico Eliot Fitzroy l’incombenza di portarvi in questo mondo e vi ribadisco: la soluzione è Filmic. In attesa di nuove sorprese.

 

Il vero motore dell’immagine, tuttavia, resti tu. E le tecniche mojo possono aiutarti a fare l’inquadratura necessaria, senza sprecare un frame di troppo.

By | 2017-03-14T23:52:44+00:00 marzo 14th, 2017|Italianmojo|0 Comments

About the Author:

Sono un papà single e un cronista di strada. E penso che l’elefante si mangi soltanto a pezzettini

Leave A Comment