IBC, giorno terzo: il mobile journalism diventa workflow

//IBC, giorno terzo: il mobile journalism diventa workflow

IBC, giorno terzo: il mobile journalism diventa workflow

Workflow, la parola magica.

Sono tornato in Italia e, naturalmente, sono stato travolto dalle cose da fare, come a ogni ritorno succede. Mi è rimasto molto impresso, tuttavia, il terzo giorno di permanenza all’International Broadcasting Conference di Amsterdam. Semplice il motivo: il mobile journalism si sta muovendo verso un’era della maturità che fa rima con la parola workflow. Già, perché sono molto importanti la filosofia e la teoria di questo nuovo modo di intendere il giornalismo, ma è altrettanto importante la pratica.

Perché lo dico? Perché il verdetto di quanto ho visto nei tre giorni di IBC nella comunità mojo è legato a un’evoluzione che potremmo dire essere quella della maturità. In che senso? Nel senso che gli strumenti più importanti, a vario titolo e in vario modo, si stanno attrezzando per darti la possibilità di mettere giù un metodo di lavoro che sia più possibile qualitativo, veloce, performante e smarcato. Ti dico un segreto: ci stanno riuscendo…

Le novità di Luma Fusion.

Ora vado nello specifico delle novità viste nel mondo iOS e Android, ma poi ti darò alcuni consigli e alcune indicazioni finali. Luma Fusion, la magnifica app di editing creata da Terri Morgan e Chris Demiris ha fatto passi da gigante anche nell’ultima versione, la 1.4. Le novità più importanti arrivano dalla gestione della parte audio che è stata resa ancora più approfondita, densa di feature e di opportunità di lavorare sui particolari, come i keyframe della pipeline, ma anche l’acquisizione di audio da più canali o da destra a sinistra o da sinistra a destra. In quanto a integrazione sono miglirati i rapporti di LF con altre applicazioni e le possibilità di importazione.

Come leggi da queste frasi questi strumenti per il lavoro del mojo sono sempre più aperti e capaci di abbracciare altri file, contenuti, progetti che arrivano da fuori per provvedere all’integrazione con questo flusso di lavoro. Nelle prossime settimane, ha rivelato Chris durante una chiacchierata, entrerà in App Store “Luma Connect” che permetterà di inserire in luma qualsiasi file o progetto proveniente da Mac, per poi riuscire a “ridarlo al Mac”, molto facilmente per continuare i progetti con altri programmi. Poi di dico una cosa: faranno, nella prossima release, un’integrazione con i sistemi di “library” di parti terze per avere, con un piccolo abbonamento,

 

 

Le novità di Kinemaster: inizi tu, finiscono in redazione!

Matthew Feinberg è uno dei “deus ex machina” di Kinemaster, l’applicazione di editing “cross platform” che è comunque il top del mondo Android. Da lui, invece, ho saputo quali novità ci sono nel prossimo aggiornamento dell’applicazione che viene sviluppata dalla coreana Nexstreaming. “Nella prossima release siamo molto felici di poter introdurre il workflow di Kinemaster – ha raccontato Feinberg nel video che puoi vedere qui sotto – per il quale sarà possibile  esportare un intero progetto con tutti i media collegati, al fine di poterlo continuare su altre device come i personal computer e con altri programmi come Premiere Pro. Un processo di lavoro del genere potrebbe anche farti fare la versione ridotta, o per social, di un video o di un contenuto, per poi mandare il progetto alla tua newsroom”. Beh, pensaci: si tratta di una cosa non da poco.

 

Feinberg ha anche fatto accenno a un progetto pilota che Nextstreaming sta realizzando con il gruppo Ortana: “Si tratta di un progetto ancora alle fasi iniziali ed è una soluzione cloud – ha raccontato Feinberg ad Amsterdam – che lavora con Kinemaster”. Vuoi sapere cosa fa? Eccoti servito: “Ingest automatizzato – ha sottolineato Feinberg -, pubblicazione automatica su più piattaforme”. Poi sta per arrivare Kinemaster 5 con delle novità sconvolgenti sulla timeline, ma di questo sarà il caso di parlare in un altro post. Penso che quanto bolle in pentola sia davvero interessante  crei molte opportunità.

I precursori: i francesi di City Producer.

Se mi hai seguito su twitter hai visto che ho dedicato molto del secondo giorno all’IBC a studiare City Producer. Beh, l’app dell’azienda francese E-Facto creata dal vulcanico Bertrand Samini, è davvero quanto di meglio si possa trovare in giro appunto sotto la categoria del worflow, del vero e intero processo produttivo per la creazione di video. Nella stessa App c’è una potente parte di filming, una parte di editing che rende facilissimi e veloci i processi di montaggio delle news e una parte di live e di delivery. Molto molto evoluta e molto interessante, una app che consegna ai francesi il ruolo di precursori della parola worflow nel mondo del mobile journalism.

Una app davvero impressionante.

Ha, tuttavia, dei lati che circoscrivono l’innovatività della app al mondo delle company televisive per la produzione di news. Sul lato dei content creators, infatti, va detto che non apre opportunità di codifica customizzata dei file e agisce nei binari di un sistema, peraltro splendido, che è dentro il flusso di una tv che fa news. Gli effetti visivi (come le transizioni) non sono ancora disponibili, mentre le parti di titolazione o le librerie musicali devono essere introdotte e governate nel flusso dal pc, ma non possono essere create o gestite nella app (così come la cancellazione dei progetti).

Una news tv che apre ora dovrebbe guardarli con tanto interesse, un semplice mojo forse potrebbe non giovarsi pienamente di un workflow “start to end” che per necessità (visto che è concepito per le news e per integrarsi nel flusso di lavoro di una newsroom tv) è dentro binari stabiliti. Pazzesco vedere all’opera questa App, comunque, per quante cose ti fa fare e quante operazioni rende facili nella tonnara del mondo delle news.

Il mobile journalism deve restare libero. Tu anche.

Alcune riflessioni finali, comunque. Come hai visto le novità delle principali app vanno verso il flusso di lavoro e allora ti invito a pensarci. Creati il tuo, comincia a vedere, passaggio per passaggio quello che ti serve per lavorare bene dall’acquisizione del materiale fino alla sua consegna. Pensaci bene: Feinberg nella sua intervista ha parlato perfino di monetizzazione del proprio lavoro tramite il collecamento di Kinemaster agli stock di vendita dei video. Ti rendi conto di quello che può voler dire questo? Sta cambiando tutto, allora segui il cambiamento. Tuttavia non rinunciare mai a pensare a una cosa, una cosa che deve restare sempre al centro del tuo lavoro. Pensa a curare ogni passaggio della tua esecuzione, ogni passaggio del tuo lavoro, fino al delivery, alla consegna sicura o alla monetizzazione dello stesso.

Però resta libero: tutto quello che ti fa entrare dentro processi nei quali la proprietà perfetta del tuo lavoro ti sfugge dalle mani, beh, rifuggilo come fosse peste. In questo senso i big dell’editing stanno lavorando benissimo: ti danno opportunità in più facendoti tenere comunque sempre la possibilità di lavorare offline, dentro l’applicazione dall’inizio alla fine. Lì dentro c’è il tuo lavoro e devi essere tu a governarne il flusso, fino a quando decidi di effettuare la consegna a chi te lo compra. E sopratutto te lo paga.

By | 2017-09-21T16:08:01+00:00 settembre 21st, 2017|Italianmojo|0 Comments

About the Author:

Sono un papà single e un cronista di strada. E penso che l'elefante si mangi soltanto a pezzettini

Leave A Comment