Navigation

Related Articles

Back to Latest Articles

Il giornalista di oggi perde prima di lavorare


Francesco Facchini
Il giornalista di oggi perde prima di...

Il mobile journalism, però, può essere la risposta a questo problema.

Sto lavorando su un corso che racconterà a chi vi partecipa tutti i modi, gli strumenti, le prospettive e le opportunità per il giornalista, le quali derivano dal mobile journalism e dall’uso professionale del telefonino. Il corso andrà in scena il 4 e 5 febbraio del 2019 all’Associazione Stampa Romana (link per info e iscrizioni qui) e darà modo ai partecipanti di capire come collocarsi sul mercato del lavoro giornalistico o come rinnovarsi sfruttando quell’aggeggio supertecnologico che abbiamo tra le mani circa 150-200 volte al giorno.

Un laboratorio unico.

Per un giornalista che voglia stare sul mercato oggi sarà un vero e proprio laboratorio unico di 2 giorni, durante il quale si potrà sviluppare il proprio progetto professionale giovandosi di una serie di strumenti che partono dal telefonino e che rappresentano la modernizzazione di un lavoro, come quello del giornalista, che la massima parte dei colleghi ora svolge perdendo soldi. Anche prima di cominciare a lavorare. Vuoi sapere perché? Adesso te lo accenno, ma al corso lo spiegherò diffusamente, dilungandomi anche sugli strumenti derivanti dallo smartphone e dalla mobile content creation che possono essere utili per risolvere questo problema che affligge il giornalista.

Un problema molto italiano. O forse no…

Il mondo del giornalismo va secondo canoni dati da molto tempo. Sono cambiate le piattaforme di pubblicazione, ma non i modi con i quali un giornalista italiano di oggi lavora. E perde un pacco di soldi a ogni respiro. Studiando su “Strategia Oceano Blu” di W. Chan Kim e Renée Mauborgne, sono stato agevolato, grazie ai loro esercizi, a riconoscere molte problematiche del flusso di lavoro del giornalista. Come trova le notizie, come viene contattato dalla redazione, come fa ricerche, come si muove. Sono tutte operazioni condotte in modo da avere un grande dispendio di tempo e quindi di denaro. Mi viene da pensare che sia un prolema molto italiano, ma non è così perché il modo di lavorare verticale (un committente mi chiama per un pezzo e io lavoro su quello fino a quando gliel’ho consegnato) è proprio caratteristico del sistema ovunque. Primo errore: il giornalista lavora top-bottom-top (dal capo che ti commissiona, fino al momento in cui glielo invii), ma dovrebbe lavorare in orizzontale.

Ti pagano di più se non lavori.

Con i prezzi dei prodotti (articoli, video, etc) devi farti entrare in testa che ti pagano di più se dici “No, non lavoro”. Per essere efficace, dal lato dei costi, devi pensare sempre di lavorare per più committenti contemporaneamente, per diversi tipi di prodotti editoriali allo stesso momento, andando, infine, a metterti sul mercato a diversi livelli di stratificazione. Mi dirai, concetto difficile… Ti rispondo con una spiega molto semplice. Fotografia del giornalista di oggi: telefonata, “fammi 30 righe”, va, ascolta, prende nota, fa le interviste a margine, al limite registra con un registratorino, poi prende, sbobina, scrive, manda. Lo smartphone c’è solo per alcuni pezzi (al limite serve per chiamare o registrare audio). Lo smartphone, però, viene clamorosamente lasciato fuori dall’opportunità di essere una macchina da lavoro multimediale che produce più risultati contemporaneamente e serve anche da connettore verso l’esterno, verso la pubblicazione, verso committenti diversi per lo stesso lavoro in forme diverse. Rivedendo la destinazione dei costi, quindi, posso aggredire il mercato e rendere un minimo più profittevoli le tariffe che prendo.

Posso fare molto di più.

Questo minimo ragionamento sulla gestione dei costi del giornalista è solo l’inizio delle tecniche che possono essere sviluppate grazie allo smartphone, ma si può fare molto di più. Si può, per esempio, trovare nuovi mercati e nuovi destinatari del prodotto giornalistico.

Si può, addirittura, guadagnare quando non si lavora. Vuoi sapere come? Lo spiego martedì mattina a Roma, con dovizia di particolari. Se vuoi fare il giornalista oggi devi realizzare un grande cambiamento. Altrimenti, per te, c’è solo il passato. Ci vediamo a Roma.

Show Comments (0)

Comments

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Related Articles

Mobile Journalism

Mobile Journalism: la parola chiave è il mindset

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility”...

Posted on by Francesco Facchini
Mobile Journalism

Mobile journalism? Facciamo media innovation

Media innovation. Questa espressione mi frulla in testa da quando sono tornato da Parigi. La crescita della community e della cultura del mobile journalism e della mobile content...

Posted on by Francesco Facchini