La conferenza francese sul mobile journalism guarda avanti.

Si è appena conclusa la giornata di conferenze e workshop de La Vidéo Mobile 2019 e mi ha consegnato delle buone notizie che ti riporto subito. Stanno succedendo delle grosse cose nel mercato dell’audio che ha già visto entrare sul terreno della produzione di contenuti video con smartphone i microfoni senza fili. I produttori stanno preparando soluzioni wireless ancora più evolute e stanno per liberare la potenzialità di andare in diretta sui social media. Guarda il video dove ho messo insieme alcune interviste e alcune riflessioni raccolte durante la giornata.

Il futuro? Cambiare le cose

Ho sentito chiaramente l’esigenza della comunità internazionale del mobile journalism di cambiare le cose. Questi eventi devono essere aperti a un pubblico più largo di utilizzatori e di fruitori di questa cultura. Devono anche essere aperti al fatto che, in questo mondo, ci sono i più visionari e pazzi innovatori del mondo dei media. Per questo motivo non ci si deve spaventare se il futuro si aprirà a una più aperta realizzazione di eventi collegati all’innovazione nei media e a quello che succede dentro tutto il mercato del video con device mobili. Il problema del mojo è la parte “jo” che sta per giornalismo. Riformato nella testa di tutti il linguaggio, i modelli e i business che si potranno creare nel mondo dei media, sarà più facile che questo tipo di conferenze creino nuovo interesse e amplino la comunità. D’altronde l’obiettivo è diventare grandi. E’ il caso di cominciare a realizzarlo.