Creare lavoro

Creare lavoro: dieci consigli non richiesti

Creare lavoro resta un’opportunità.

Creare lavoro, bella sfida. Come esperto di mobile content creation ho deciso di aprire i confini dei miei interessi, prima facevo solo mobile journalism, perché penso che la cultura che divulgo possa aiutare chiunque. Essa è infatti uno strumento di impareggiabile valore per creare lavoro e ricchezza. Quelli che viviamo sono momenti difficili, ma non devi dimenticarti di avere risorse per superarli o strumenti per rinnovarti. Per questo motivo ti metto a disposizione alcuni elementi che mi sono serviti a creare la nuova strada della mia carriera, in risposta alle difficoltà del Covid-19, sperando che ti possano essere utili.

1. Guarda dove sta andando il mondo

Per creare lavoro devi osservare dove sta andando il contesto che vivi, il tuo mondo. Sebbene in molti strepitino per ritornare alla vita di prima, la pandemia ha cambiato per sempre la società. Se clicchi su questo link potrai vedere quali saranno i campi dell’economia in crescita. Non lo dico io, lo dice il World Economic Forum.

2. Usa lo smartphone

Lo smartphone ti fa produrre il tuo nuovo linguaggio e creare il tuo nuovo lavoro. L’ho già detto e lo ripeto. Aggiungo che è il ponte per il tuo dialogo con nuovi clienti e il controllore di tutti i flussi lavoro e di ricavo. Lo smartphone controlla il tuo e-commerce e i tuoi social, può farti modificare il tuo sito e addirittura fornire il tuo servizio. Hai tra le mani tecnologia, sfruttala.

3. Studia come se non ci fosse un domani

Acquista conoscenze, rivedi quello che pensi di sapere, formati per allargare le tue possibilità. Cerca quelle competenze che ti permettono di digitalizzare il tuo lavoro per quanto possibile. Fai attenzione alle fonti della tua conoscenza, ma buttati come se non ci fosse un domani per rendere più ampi i confini del territorio nel quale il tuo lavoro può essere utile. Il sito più autorevole in questo campo in lingua italiana è Federica.

4. Creati un oceano blu

Leggi l’Oceano Blu per capire dove trovare il mercato nel quale ti crei un nuovo lavoro. Leggi l’Oceano blu cambiare, per sapere come farlo evolvere. Considerati un’azienda anche se lavori da solo. Ti servirà per sapere operazioni, strumenti e modi per stare sul mercato.

5. Coltiva i piccoli numeri

Qualunque lavoro tu faccia o voglia fare, se lo crei, lo rinnovi, lo digitalizzi o lo cambi seguendo quello che sta succedendo, subito dopo avrai il problema dei numeri. Creare lavoro è partire dalla tua community, dai numeri piccoli, progettando una crescita costante e non arrendendoti se è lenta.

6. Per creare lavoro investi l’unico denaro che hai: il tempo

Per creare lavoro hai due strade da percorrere in parallelo. La prima è quella del tuo progetto, la seconda è quella dei mezzi per poterlo raggiungere. Se il mezzo per raggiungere il tuo fine è pulire i cessi, mettiti i guanti e fallo. Non dimenticarti, mentre lo fai, che quello è un mezzo per creare il lavoro che vuoi tu. L’unico denaro che hai tra le mani è il tuo tempo: usalo bene.

7. Traccia il tuo tempo

Lo smartphone è un registratore di molte cose. Può, per esempio, registrare il tuo tempo. Se lo fotografi, per esempio con l’applicazione Toggl, puoi sapere se stai spendendo bene gli unici soldi che hai: le tue ore.

8. Crea luoghi digitali

Creare lavoro è creare luoghi. C’è un luogo che non ha confine e che non ha limitazioni di spazio. Createlo e lavoraci su come se quello che crei fosse una piazza virtuale nella quale dare valore ai tuoi clienti e proporre i tuoi prodotti e i tuoi servizi. Saper fare un sito, per te, potrebbe essere un presupposto irrinunciabile.

9. Per creare lavoro dimmi chi sei

E’ il titolo dell’ultimo libro di Riccardo Scandellari, ma è anche un obiettivo. Se devi trovare lavoro, auguri. Se devi creare lavoro, devi far sapere a più persone possibile chi sei e perché devono rivolgersi a te.

10. Cambia

Coltiva il personal branding, anche se fai l’idraulico. Cambia, cambia cambia. Cambia mentalità, cambia modi di lavorare, cambia destinatari del tuo lavoro. E non mollare. Per creare lavoro devi creare un nuovo te. Fallo, prima che sia troppo tardi.

Francesco Facchini

Sono un papà single e un cronista di strada. E penso che l'elefante si mangi soltanto a pezzettini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.