Navigation

Related Articles

Back to Latest Articles

Mojofest Day 3: l'eredità di un grande evento


Francesco Facchini
Mojofest Day 3: l'eredità di un grande...

Ci ho messo un po’ a scrivere dell’ultimo giorno di Mojofest. Ora ti spiego perché.

Il motivo è semplicissimo: Mojofest è morta l’8 giugno 2019 e l’annuncio del decesso è stato dato il 11 giugno 2019 con questo annuncio sul sito e sui social della manifestazione.

Its been an amazing journey. Thanks to every single person who contributed to the 5 years of #mojocon and #mojofest We…

Pubblicato da MojoFest su Lunedì 10 giugno 2019
L’annuncio su Facebook

Un momento piuttosto importante

Non ti nego, quindi, che lasciare l’evento in mezzo a un discreto cumulo di emozioni e con una certa sofferenza, è stato molto faticoso. Ho anche fatto una chiacchierata molto emozionante con Glen Mulcahy della quale non scriverò una parola. Dirò solo una metafora. Glen mi è sembrato come un padre che ha insegnato a tutti a camminare, poi si è seduto e ha detto: “Ho visto e vissuto troppo (in tutti i sensi, nda). Ora andate, fate voi, cavatevela da soli. Andate, camminate…”. La mobile content creation è a un momento di svolta che bisogna saper interpretare molto bene, perché altrimenti si rischia la morte. Ecco cosa può succedere in termini molto pratici.

Le premesse: la tecnica cambia velocemente.

La tecnica sta arrivando a un punto in cui la produzione mondiale di creatività è tutta sul ponte di passaggio tra situazioni statiche e situazioni mobile. I media lo hanno capito, il cinema lo ha capito, le aziende lo hanno capito. La mobile content creation non fa più rima soltanto con lo smartphone per quanto riguarda la produzione dei contenuti o la fruizione. La mobile content creation fa rima con smartphone e con tutti gli hardware che, con lui, possono migliorare e potenziare il linguaggio del video in sincronia fisica, wifi o via bluetooth. Ho saputo che la testa edizione degli Spectacles sarà dirompente e darà il via al wearable journalism come non lo abbiamo mai visto o intrepretato finora. I droni migliorano, i gimbal sono diventati robot. Insomma tutto sta cambiando ed è anche in arrivo il 5G. In questo panorama la mobile content creation può avere solo un ruolo in crescita. Non lo dico io, lo dice Claude Lelouch che è uno un filo più intelligente di me, quando parla di una cultura che gli ha liberato la testa come mai prima d’ora. Poi c’è Adobe Rush che promette sfracelli, te lo dico.

Scenario numero uno: tutto si frammenta.

Da questo momento in poi potrebbero vincere gli interessi personali e potrebbe infrangersi contro le incongruenze di questo momento economico anche la stessa community dei mojoer, non solo l’evento. Tutti noi, me compreso, abbiamo i nostri affari i quali crescono con difficoltà. Potrebbe essere perfino comprensibile che prevalga l’interesse micro, invece dell’interesse macro. Dobbiamo essere consapevoli però che se nessuno penserà a far crescere seriamente una comunità di persone, sia nei propri contesti, sia a livello internazionale, consapevoli della cultura della mobile content creatrion, le resistenze al cambiamento vinceranno e anche la mojo community, dopo Mojofest, chiuderà i battenti. Senza un filo rosso che unisce tutti, ma con una serie di piccoli satelliti che girano attorno all’argomento, corriamo il pericolo di essere considerati come una strana ed evanescente avanguardia.

Scenario numero due: tutto cambia.

L’eredità di Mojofest 2019, la quale è stata la migliore edizione di tutte per l’innovatività dei linguaggi, dei contenuti, degli scenari, è un’eredità che va conservata con molta attenzione e conservata in modo comunitario. Il gruppo Facebook dove i mojoer si scambiano informazioni su questa cultura deve diventare il centro di una nuova versione della mobile content creation e trasformarsi in un gruppo sull’innovazione nel mondo dei media, dei suoi linguaggi, dei suoi prodotti, dei suoi hardware, dei suoi software e, soprattutto, dei suoi modelli di business. Per questo motivo sono andato in giro tre giorni alla Mojofest ripetendo ossessivamente questa domanda.

“How the hell do we make money out of this”

Come diavolo ci facciamo i soldi

Se vogliamo raccogliere davvero l’eredità di Mojofest dobbiamo creare un movimento che parli ed elabori in modo autentico modelli di business che possono creare profitto e ricchezza. Forse è questo il punto, ma va detta una cosa importante. Molto probabilmente uno dei motivi per cui si è interrotta la parabola di Mojofest è che non siamo riusciti a far prevalere la Teoria dei Giochi di John Nash rispetto ai nostri interessi individuali. Per questo motivo, invece di dire grazie a Glen Mulcahy per quello che ha fatto per noi, forse dovremmo dire, “scusa Glen per quello che non abbiamo saputo fare noi”. E prepararci a dare un nuovo futuro alla più grande community di media innovator del mondo.

Show Comments (0)

Comments

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Related Articles

eventi

Vino e Smartphone: raccontare l’eccellenza del Collio

Da alcuni giorni sto lavorando con la straordinaria istituzione del Consorzio Tutela Vini del Collio per unire il linguaggio della mobile content creation con un prodotto...

Posted on by Francesco Facchini
eventi

Giornalismo, Mulcahy: “Ora il mojo è cosa di tutti i giorni”

  Giornalismo e mojo: un binomio possibile. Al termine di Mojocon, la Mobile Journalism World Conference di Galway andata in scena dal 4 al 6 maggio, ho avuto l’occasione di...

Posted on by Francesco Facchini