Conoscere la propria community


Francesco Facchini
Conoscere la propria community

La community che intendi servire con il tuo lavoro è la tua principale risorsa economica: la devi conoscere molto bene.

In questa estate 2019 sto ultimando il mio lavoro di scrittura su un libro che parla del mio lavoro e della disciplina che divulgo, insegno e sperimento per aziende e professionisti: la mobile content creation. Ormai è ampiamente terminata l’epoca nella quale noi produttori di contenuti potevamo permetterci di produrre un buon contenuto e affidarci alle reti di relazioni personali o alle collaborazioni avviate per vederlo venduto e pubblicato. Ora dobbiamo adoperarci per analizzare e conoscere molto bene la community che intendiamo servire con i nostri contenuti. La community è il punto di partenza per il disegno e la creazione dei nostri prodotti e per il percorso di creazione di interesse verso il nostro lavoro e verso chi può acquisirlo e trarne utilità.

Una chiacchierata con la mia community

Proprio a proposito di community ho deciso di pubblicare questo form per cercare di interagire con le persone che stanno seguendo il mio lavoro e per stabilire un contatto. Si tratta di un questionario semplice, il quale mi sarà molto utile per stabilire il punto della situazione su quanto fatto e per rendere più efficace il mio lavoro futuro. Se sei interessato a saperne di più sulla mobile content creation e fai parte di quel gruppo di persone interessate al mio lavoro, compila il form e facciamo una chiacchierata.

Show Comments (0)

Comments

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Related Articles

My Job

Mobilization di una redazione: un viaggio nel cambiamento

Se la tua redazione vuole...

Posted on by Francesco Facchini
My Job

#sharingdaddy parla a Metro: i padri ce la possono fare

LA PRIMA INTERVISTA DI SHARINGDADDY. Ecco la mia prima intervista da #sharingdaddy, pubblicata dal giornale Metro qualche giorno fa. Dopo la pubblicazione, online e cartacea, la...

Posted on by Francesco Facchini